Noi due ai confini del mondo, di Morgan Matson [RECENSIONE]

Il Publishers Weekly dice: Lascerà nei lettori una sete di viaggi e romanticismo.
In effetti già a metà del romanzo viene voglia di prendere le chiavi della macchina, il primo migliore amico che capita e via! Esattamente come sono costretti a fare Amy e Roger, i protagonisti di Noi due ai confini del mondo, che per vari motivi si ritrovano a viaggiare insieme attraverso l'America. 



Titolo: Noi due ai confini del mondo
Autrice: Morgan Matson 
Genere: Young Adult 
Editore: Newton Compton Editori 

TRAMA
Amy Curry è un'adolescente carina e alla mano che si ritrova improvvisamente a chiudersi in se stessa dopo la morte del padre in un incidente stradale. Come è avvenuto l'incidente? Amy non vuole parlarne e non vuole parlare nemmeno di suo fratello Charlie, chiuso in una clinica per tossicodipendenti. Non ha nemmeno buoni rapporti con la madre, che vive in un altro stato dell'America. La vita per Amy sembra una routine continua di sogni spezzati, fino a quando non è costretta a trasferirsi a casa della madre. Ma per raggiungere il Connecticut, Amy dovrà attraversare l'intero stato americano, in auto, e con lei ci sarà Roger, figlio di un'amica della madre, che Amy non vede da quando erano bambini. 
Il tragitto che devono fare è stato scrupolosamente organizzato dalla madre fin nei minimi dettagli, ma viene completamente stravolto dalla curiosità di vedere posti nuovi e dalla voglia inconscia di Amy di non raggiungere il Connecticut. 
Il viaggio si trasforma di ora in ora in qualcosa di divertente, magico, diverso e molto, molto speciale... 
Fino alle stelle, attraverso le asperità. (motto del Kansas). 

Auto. Canzoni. Bibita in mano e la strada davanti, infinita. 
Questo è lo scenario di Noi due ai confini del mondo. Messa in questo modo la situazione diventa fantastica. Già di per sé ho sempre adorato viaggiare, in auto poi dev'essere un'avventura fuori dal comune, un'esperienza unica e indimenticabile, perché hai l'opportunità di vedere realmente tutto ciò che vuoi, fermarti dove vuoi e ripartire quando vuoi. Del romanzo ho apprezzato soprattutto il senso d'avventura che riesce a trasmettere nel lettore, e nonostante la scrittura sia molto dolce non è mai noiosa, anzi, probabilmente l'ho apprezzato anche per questo. 
Solo che ho riscontrato svariati errori di traduzione o battitura, che non rallentano la lettura, ma a volte mi hanno fatta inciampare su più di una parola. 
Nonostante questo consiglio moltissimo il libro: è piacevole da leggere e molto romantico. Uno young adult fantastico, non perdetelo!

Valentina ♥



Commenti

I PIÙ LETTI

Anthea, di Rebecca Mazzarella [RECENSIONE]

Io prima di te, di Jojo Moyes [RECENSIONE]

Raccontami di un giorno perfetto, di Jennifer Niven [RECENSIONE]

Il cavaliere di Eron (l'avvento), di Laura Santella [RECENSIONE]

Il ragazzo che entrò dalla finestra e si infilò nel mio letto, di Kirsty Moseley [RECENSIONE]#05