Il tempo senza ore di Luca Favaro [RECENSIONE]

Avete presente quei momenti di silenzio in cui non c'è niente da dire perché tutto è già stato detto? Be'... è proprio con questa sensazione che ho chiuso l'ultima pagina di questo romanzo. 
L'autore è stato veramente bravo, con un linguaggio molto scorrevole ha saputo cogliere il senso dell'empatia e della malattia che il protagonista dovrà affrontare. 
Vi lascio alla trama prima di proseguire.  

Titolo: Il tempo senza ore
Autore: Luca Favaro 
Genere: Narrativa 
Editore: Nulla Die 
Il mio vito: 


TRAMA:
Marco Galeotto, alla soglia dei cinquant'anni, è un apprezzato maestro di musica e brillante direttore di coro. La sua carriera è all'apice, fino al giorno in cui strane e indecifrabili amnesie cominciano a turbare la sua quotidianità. Una storia struggente sulla malattia, sul caos che determina non solo in chi ne è affetto, ma altresì in coloro che devono sobbarcarsi l'onere dell'assistenza, spesso abbandonati a se stessi, tanto dai parenti quanto dalle istituzioni. Una storia d'amore, inteso non soltanto come passione, ma soprattutto come sacrificio e devozione, valori oggi grandemente dimenticati. Un romanzo che s'incide sottopelle, ricordandoci quant'è labile la linea che divide sanità e malattia, invitandoci comunque a godere appieno del tempo che ci è concesso.

Il protagonista, Marco Galeotto, è un uomo solo, appassionato di musica. Ama il coro che dirige ed è sempre alla ricerca di nuovi eventi per farlo esibire. Ed è proprio durante uno di questi eventi che ha occasione di incontrare Lei, Margot, quella che adesso è la donna dei suoi pensieri, quella che vorrebbe al suo fianco ma anche quella che però vorrebbe cancellare dalla mente, forse più per timore dei rapporti affettivi che per subdolo disinteresse, perché quello che lui prova per lei riesce in qualche modo a intimorirlo. La sua vita va avanti così, con i pensieri divisi tra il coro e l'amore per questa donna.
Il romanzo affronta una delle tematiche più complesse, come ho già detto: la malattia. La vive dal punto di vista della persona malata senza tralasciare niente, affrontando tutte le tappe del percorso, partendo dalla prima: lo smarrimento, per continuare con l'incredulità e la negazione della malattia stessa, fino alla rabbia dell'impotenza e alla mera accettazione di quello che è inevitabile. Si vive quegli stati d'animo nel profondo, e la storia ci permette di renderci conto di moltissimi fattori che altrimenti daremmo per scontati. 
Mi è capitato di vivere a fianco di persone con la stessa malattia, fortunatamente in maniera più leggera, ma ho potuto comunque rendermi conto di quanto siano delicate alcune situazioni e di quanto complessa possa essere la nostra mente. Iniziamo sempre con il sottovalutare molti atteggiamenti e pensieri, sbagliando, ma credendo che comunque stiamo agendo nel giusto. 
In questo romanzo c'è quella che è una bella storia d'amore molto profonda e sentimentale, dove il rispetto e la devozione emergono incommensurabili. 
È un romanzo che aiuta a comprendere i nostri limiti, che ci obbliga a delle scelte, anche se dolorose, che fa emergere in noi quel senso di giustizia, di dedizione, rispetto e amore imprescindibili. 
La figura che ho amato di più in questo romanzo è stata Margot. Una donna giovane e forte, che non si tira indietro di fronte a niente, neanche davanti alla disperazione. Una donna fiera e carica di amore verso il marito con una devozione tale da riuscire a commuovere. La storia stessa è commovente, da ogni punto di vista possiamo guardarla questa storia parla principalmente di amore. Quell'amore verso la vita, verso se stessi e verso gli altri. Quell'amore che ti permette di vivere in ogni istante della giornata come fosse l'ultimo. 
Margot cadrà, si rialzerà e cadrà di nuovo. Ma ogni volta che proverà ad alzarsi, anche nel dolore, sarà sempre più forte di prima. 


Valentina ♥




Commenti

I PIÙ LETTI

Un giorno ti porterò a mangiare 'sto cazzo di sushi! - di Marco Polani [RECENSIONE]

Anthea, di Rebecca Mazzarella [RECENSIONE]

LOVE. Un nuovo destino di L.A. Casey [RECENSIONE]

25 DOMANDE SUI LIBRI [BOOK TAG]

DISNEY PRINCESS [BOOK TAG]